NECROPOLI
Le tombe visitabili si trovano nella Necropoli di Poggio Renzo, lungo la strada che conduce al lago di Chiusi.

Tomba della Pellegrina
Vi si accede mediante un lungo dromos sul quale si aprono quattro piccoli loculi e tre camere di dimensioni differenti. Accoglieva 17 deposizioni in urne cinerarie e sarcofagi in parte ancora visibili al suo interno. Rappresenta un esempio particolarmente importante di tomba familiare d’età Ellenistica, in uso tra IV e II sec. a.C.. Appartenne alla famiglia Sentinate per quattro generazioni.

Tomba del Leone (fine VI sec. a.C.)
È costituita da un vestibolo e tre camere di cui quella principale comunicante con un pozzo. Le pitture in pessimo stato di conservazione adornavano il vestibolo e la stanza di fondo. Notevoli i soffitti a cassettoni delle due camere laterali, ornati da una vivace policromia.

Tomba della Scimmia (inizio V sec. a.C.)
È la tomba più conosciuta del territorio di Chiusi, scoperta nel 1846 da Alessandro François. È costituita da un vestibolo e tre camere con soffitti e letti funebri. Le scene sono dipinte nel vestibolo e nella camera di fondo. Nel fregio sono rappresentati i giochi in onore della defunta che vi assiste riparata dal suo ombrellino: corsa delle bighe, suonatori, lottatori, un lanciatore di giavellotto… ed infine una piccola scimmia che dà il nome alla tomba.