MUSEO CIVICO – LA CITTÀ SOTTERRANEA
Sezione Epigrafica

È l’unica sezione museale in Italia dedicata all’epigrafia etrusca: 500 iscrizioni su urne cinerarie e tegole tombali esposte nei suggestivi sotterranei che si snodano nel sottosuolo della città. Oltre 140 metri di cunicoli di epoca etrusca, dai quali, attraverso un pozzo monumentale, è visibile anche un “laghetto” posto a 30 metri di profondità dal piano stradale.
Il territorio di Chiusi ha restituito un patrimonio di circa 3.000 iscrizioni, databili tra la fine del III e l’inizio del I secolo a.C., mentre a Roma e ad Atene se ne contano solo 1.000 risalenti a questo periodo.
Un numero tanto elevato ha permesso di ricavare dettagliate informazioni di carattere storico sulla società dell’epoca, facendo del museo una sorta di “anagrafe etrusca”.

Il percorso di visita è arricchito dalla presenza di altre sezioni:

LABIRINTO che, quale confine tra leggenda e realtà, spiega al visitatore il funzionamento dell'acquedotto etrusco, il suo riutilizzo nel tempo, come e quando è stato riscoperto...;

ATTIVITÀ PRODUTTIVE, che parla, tramite le produzioni caratteristiche di Chiusi, dell'economia della città nel corso del tempo e del rapporto degli abitanti con il loro territorio.